PERFETTO, MENO NON È POSSIBILE

Published by RISER at 12 settembre 2015 in Articoli
Fa caldo, molto caldo, é mezzogiorno, il sole brucia se stesso sopra di noi. Una Harley, due tipi in magliette bianche e jeans, sotto di noi la strada ardente, da qualche parte in Carinzia. Bel tempo. Sul percorso che ci porta da David Widmann, il capo di National Custom Tech, attraversiamo paesi e masi, bambini che ci seguono con i loro occhi. Le diritture delle strade ci piegano all’indietro , le curve si sdraiano sotto di noi. Alla fine facciamo una svolta, una strada sferrata, le molle stringono, dietro di noi tutta polvere.

Nct motorcycles 1

Sono delle moto, costruite negli anni sessante, perché la subcultura dell’ Ace Cafe, un’ area di servizio al nord di Londra, ha organizzato delle gare da lí fino alla prossima rotonda. Dovevi essere ritornato prima che finisse la canzone nella jukebox. Sí, cercavano di far colpo, ma perché no? Era quello il motivo per cui si erano dati da fare, avevano avvitato smontato, specialmente il rivestimento, perché quello dava alla moto gran parte del peso. Le moto dovevano essere nude, la loro potenza doveva essere visibile, come la ribellione contro il conservatismo di quel periodo: „fuck the establishment“. Cosí fu creato un nuovo look, uno stile di vita – il Cafe Racer.

Siamo arrivati. Prati verdi, officina gialla. Sulle pareti sono inchiodate delle plachette di metallo, davanti al portone una griglia sopra la cenere della serata precedente, due seggiolini nella penombra. Il portone si alza e fa risaltare i primi due bikes. Da dietro l’angolo entra in scena David, con i pantaloni blu da fabbro e la maglietta slavata. Sguardo calmo, senza sorriso, i capelli tirati all’indietro con la brillantina. Una stretta di mano, poi la prossima. Ci diamo del tu, buon lancio. Non parla troppo, preferisce avvitare, questo l’abbiamo capito subito. Questa ditta ce l’ha solo da qualche mese, ma di lavoro giá ce n’é per un anno intero. Oltre a questa, ha ancora altre due aziende, la prima dal 2012, produce gli attrezzi per l’Eisstockschießen (una specie di boccia su ghiaccio), e con quella é leader sul mercato in Austria. La terza delle sue aziende é una casa automobilistica. David ha 25 anni. „Devi rischiare qualcosa! Se fai tutti i calcoli al cento per cento, non trovi mai il coraggio!“ Recentemente ha partecipato per la prima volta ad una serie di corse Ducati per hobby-motociclisti ed é finito sul terzo posto. Infatti, qui c’é arrosto, non solo fumo.

Nct motorcycles 9

„Stummellenker“ sono delle moto buone, devono essere basse, i silenziatori devono brillare, potenziare la moto é obbligatorio. Di solito sono costruite biposto, quelle piú fiche peró hanno un posto unico. Annuiamo. 70 ore ci vogliono per far risorgere una moto. David salda a fiamme, croma, trapana e martella tutto da solo. I sedili di cuoio e le laccature le fa sistemare da uno dei dintorni. Lo smaltimento non lo puó fare da se per motivi ufficiali, i sedili „non riuscierei a farli tanto belli, non sono un sarto.“ La qualitá buona é la cosa importante, ed anche se uno studente con un budget piccolo gli porta una Honda, gliela sistema, low budget ma sempre in modo perfetto – altrimenti non accetta l’incarico.

Nell’officina troviamo tre moto pronte: Due BMW, una col serbatoio verde, l’altra con uno argentato, fresato, dei clacson per la nebbia, frecce quasi invisibili, fari rotondi e neri – é tutto come dev’ essere. La terza moto invece é una Ducati 996 gialla, lo chassis di carbone, i cerchioni di carbone ti fanno risparmiare 5 chilo, la poppa costruita su misura, tutto un tutto fa 125 cavalli su 170 chilo. Cosa diciamo? Fico! Preme il pulsante, noi ci guardiamo, é un bramito penetrante. Sorridiamo. Lui smanetta – no, infondo ha solo fatto un sussulto, peró il suono é assordante, da brivido. Siamo ammutoliti, non ci sono parole in quel momento.

Intanto di lato ce ne sono altre due, schelettrose, smantellate, tutti i cavi ne escono fuori, il motore é coperto con un panno. Il capomecccanico, Kurti Kosjek, ha appena montato le batteria. „Esistono delle batterie che sono talmente piccole, che non ti rendi neanche conto del fatto che sono batterie, guarda pure, va a cercarle!“ Ha ragione, non le troviamo, deve farcele vedere lui, in uno scompartimento spesso come un tascabile, sotto la sella. Forte.

Nct motorcycles 7

David ha studiato il tecnico di produzione, poi ha fatto l’apprendista per diventare fabbro nella ditta die genitori. Come lui, anche il padre é appassionato di moto, la sua rotta preferita, quando trovano il tempo tutti e due, é „quella dove attraversi la sella del Seeberg, il Scheidersattel, il passo Loibl, il passo Vrsic e poi scendi dall’altra parte.“ Quando fanno quel giro, partono alle sei e tornano quando il sole inizia a tramontare. Ebbeh. Adesso sorride. Stanco? Per niente! Sorride ancora di piú. Gli piace il raccontare e gli piace farci vedere tutto quanto, a noi che ascoltiamo attentamente come bimbi mervagliati, entusiasmati. Sete? Acqua, grazie. Per il caldo? Sí, beh. „Ve la porto io!“ Nel magazzino ci sono altre moto ancora grezze, nel caso venissero die clienti che non ne hanno una, „beh possono scegliersene una.“ È cosí che dev’essere. C’é una moto, il suo prossimo progetto, una Gold Wing, davvero, non si scherza. Per il momento sta li, rosso fuoco, cicciona, i fari ed anche il resto, tutta pesante, e lui accende la radio, le casse funzionano. „Non mi servono.“ Tra poco la smonterá. „Non ho nessun’ idea cosa succederá con tutta la roba che c’é sotto.“

Lui di disegni non ne fa neanche uno prima di iniziare, l’immagine di come dovrá essere il risultato l’ha giá quando guarda la moto per la prima volta. Le idee piú concrete gli vengono quando smonta le moto e quando sta li sdraiato. Come mai gli vengono cosí, le idee e tutto il resto, pur non avendo imparato il mestiere? „Mah, ho sempre fatto come mi pare, peró chiaramente prima di fare devi sapere quello che sai fare. Poi il resto devi cercare di impararlo da solo.“ Semplice, sembra, peró quello che lui fa é tutt’altro che semplice, ogni moto é un unicum. „Se mi porti la stessa moto due volte, te ne faccio due moto diverse, perché cerco sempre di rispettare chi la guida. Dev’essere tutto giusto!“

Siamo pieni di entusiasmo per lui, per i suoi Cafe Racer, per tutto quello che fa quel tipo. Dopo un’ ora deve andare, vorrebbe rimanere ancora, per ore, ma cosí come ci ha dato del benvenuto, adesso ci saluta. Con calma, perché tanto lui sa quello che fa e che ci ha suscitato l’entusiasmo in noi. È anche per questo che fa il suo lavoro. Stretta di mano uno, poi l’altra. Un bel addio.

TUTTE LE IMAGINE

Nct motorcycles 1 small Nct motorcycles 10 small Nct motorcycles 3 small Nct motorcycles 4 small Nct motorcycles 5 small Nct motorcycles 6 small Nct motorcycles 7 small Nct motorcycles 8 small Nct motorcycles 9 small Nct motorcycles 2 small Nct motorcycles 11 small

ARTICOLI PIÙ RECENTI

Teaser

13.000 KILOMETRES ON A PUCH - MAX REISCH'S JOURNEY TO INDIA

Published by RISER at 13 ottobre 2017 in Articoli
In his monthly travelogue Johannes Weissborn tells in an impressive way what true adventures a motorcycle trip to distant countries entails. Especially when you find yourself in regions of the world that are not characterised by familiar structures, you will come across new and unexpected challenges. Just under 85 years ago, two students from Vienna also set off...
Teaser

BEHIND THE SCENES: HANDING OUT FLYERS IN BAKING HEAT – DOMINIK

Published by RISER at 12 ottobre 2017 in Articoli
It was two of us, three months had passed since the launch of the iOS version of RISER and it was hot as hell. Overloaded with flyers, we were standing in the middle of a dense crowd at the European Bike Week at Lake Faak … and working up a sweat...
Teaser2

NUVIZ, THE FIRST HEAD-UP-DISPLAY FOR MOTORCYCLE HELMETS - A REVIEW

Published by Christian Zechner at 09 ottobre 2017 in Articoli
Originally used in the aviation sector, cars are also regularly equipped with it for quite some time, but there has never been anything similar for everyday use for motorcyclists. We’re talking about head-up displays, aka HUDs.
Teaser

PATAGONIA ADVENTURE DIARIES #2 - FROM PUERTO TRANQUILO TO LAGO POSADAS

Published by Agustin Yaconis at 30 settembre 2017 in Articoli
Our little adventure continues on the Carretera Austral, on the interesting section between Puerto Tranquilo and Lago Posadas (Posadas Lake), crossing the border to Argentina. But before we go on and decide where to spend the night...
Teaser

COFFEE BREAK AT FULL SPEED

Published by NORA DEJACO at 30 settembre 2017 in Articoli
While on the road riding our motorcycles, always the same question comes up: Where to find the best cup of coffee? Maybe we’ve had the most brilliant idea recently. We should just take the coffee machine with us. It has a removable tank, runs on electricity and uses capsules...
Teaser

BEHIND THE SCENES - STEFAN, THE ANDROID DUDE

Published by RISER at 30 settembre 2017 in Articoli
Since last year’s launch, there have been some changes to our core team. Stefan is someone who was already with us before the launch and we couldn’t be happier he is on board. Stefan is basically a quiet-type person, at least he seems so if you meet him for the first time.
Teaser

THE WEISSBORN STORY - EPISODE 2

Published by NORA DEJACO at 29 settembre 2017 in Articoli
The desert – I’ve never been this far from home on my motorcycle and reached such a barren landscape. The atmosphere is fairly chaotic at the border control. Hagglers keep offering their services and border officials are irritated about the new registration plate, as the previous plate is still listed on their register.
Teaser

MOTORCYCLE DIY #2 WITH NCT-MOTORCYCLES

Published by RISER at 26 settembre 2017 in Articoli
Remember that we had our friend David Widmann from Carinthia talking about some nice insights how to get your bike fit for the season in July? Well he’s back now with some interesting details: Have you ever tried to change your motorcycle’s handles?
Teaser

THE DISTINGUISHED GENTLEMAN'S RIDE - VINTAGE MOTORCYCLING FOR A GOOD CAUSE

Published by CHRISTIAN ZECHNER at 22 settembre 2017 in Articoli
Taking a ride on your bike is always a great thing, but what could be better than doing it for a good cause. This Sunday, September 24th, motorcyclists across the world will suit up...